Sicurezza del Lonely Wander

admin / novembre 2, 2017

Per le escursioni in montagna solitarie le persone sono sicure dei loro punti di forza e di competenze. Anche un fanciullo esperto, che è saldamente in terra, può essere a rischio di aiuto di un’altra persona. Probabilmente sarà senza di lei, ma questo non significa che anche tutti al suo posto avranno successo. Quindi, prima di iniziare a vagare da soli, assicuriamo che siamo ben preparati.

Una persona è più difficile da trovare che tutto il gruppo. Quest’ultimo può anche essere molto più facile chiamare aiuto se uno dei suoi membri è miserabile. I viaggiatori individuali dovrebbero sicuramente attenersi ai sentieri, avere una mappa e una torcia elettrica con voi. Se fanno affidamento sulla navigazione elettronica, hanno bisogno di un dispositivo più robusto di uno smartphone che, se non sbarca o si bagna, probabilmente perderà la sua portata nei boschi. Dovresti anche studiare il percorso in anticipo e far sapere a qualcuno dove andare. In caso di incidente è molto facile cercare. Se stiamo andando via dal mondo da molto tempo, abbiamo connettività professionale e navigazione.

Il vagabondo si muove molto più velocemente del gruppo. Conoscendo questo, alcuni camminatori dimenticano altre restrizioni e pianificano percorsi molto lunghi e faticosi. Nel frattempo, la capacità di camminare al proprio ritmo non è sufficiente. È necessario disporre di adeguate disposizioni per la strada, anticipare il comportamento del tuo corpo dopo 6 o 10 ore di camminata, contare sul fatto che le lesioni si verificano anche il meglio. È bene progettare un percorso in modo che la sua ultima tappa condurrà attraverso il percorso occupato.

Molto più facile cadere nei guai in città, ma purtroppo un certo pericolo esiste anche sul sentiero.

Gli animali selvatici in genere non causano problemi se li lasciamo soli. Mentre un gruppo di persone sembra terrificante per loro, un solo vagabondo può essere un “avversario” per un cinghiale spaventoso, un orso o un pacchetto di cani selvatici. Soprattutto quest’ultimo può essere aggressivo. Fortunatamente il pepe spray dovrebbe essere sufficiente per spaventare i cani. I cavalli dagli animali possono essere umani. Purtroppo, anche sui sentieri escursionistici ci sono diversi attacchi ogni anno. Molto poco se consideri la scala di simili fenomeni in altre regioni, ma sono. Le vittime sono per lo più laici, soprattutto donne o anziani. Se non possiamo difendersi contro un solo attaccante, è più sicuro stare vicino al gruppo.

Il solo camminatore è totalmente responsabile della sua sicurezza. Non deve cadere in paranoia né rinunciare da sola, ma deve essere più vigile che se fosse membro del gruppo. L’attenzione che normalmente fai ai tuoi colleghi dovrebbe essere dedicata all’osservazione: sentieri, meteo, mappe, altre persone e animali. Nelle montagne polacche si può andare ogni singolo percorso e, a prescindere da diversi percorsi nei Monti Tatra, ciò non richiede competenze possedute solo da professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *